Da un nostro affiliato abbiamo ricevuto questo contributo, invitiamo tutti a partecipare alla stessa maniera; non abbiate paura!

 

L’Udc sa sempre cos’è il meglio per il popolo svizzero nella sua totalità, ed esso se ne è reso conto, cerca di sollecitare lo Stato a combattere eventuali abusi commessi da chiunque e di qualsiasi tipo, cercare di tutelare i cittadini svizzeri da inutili sperperi di denaro. Questo partito è il salvagente della Svizzera. Individua i problemi dell’immigrazione massiccia e come i suoi lati negativi siano maggiori rispetto a quelli positivi.

L’Udc non ha paura di affrontare temi scabrosi, ai quali gli partiti fanno orecchie da mercante o sono troppo bonari, fanno finta di non vedere e continuano a svendere la Stato svizzero, sempre questi partiti più che proporre idee in campagna elettorale si limitano a screditare massicciamente e vanamente l’Udc, quest’azione denigratoria e poco costruttiva si è rivelata controproducente. I risultati si sono visti alle urne di questa crociata anti-Udc, che consiste nel definire il suddetto partito come xenofobo, razzista e populista e abile manipolatore vista la massiccia campagna pubblicitaria svolta. L’accavallamento di problemi sociali è coinciso con l’ascesa dell’Udc. Se questo partito individua come causa di tutti i mali della Svizzera gli stranieri, se è veramente la vera causa, deve definirsi necessariamente xenofobo, perché alcuni dimenticano che il governo svizzero deve occuparsi prima dei bisogni del popolo svizzero e non degli stranieri. Se l’Udc cerca in tutti modi di farsi carico, far valere le ragioni del popolo, ha l’obbligo di definirsi populista, questo partito protegge gli interessi economici della Svizzera dal saccheggio dell’Unione Europea.

Dedicati agli stranieri esistono ampie statistiche e dossiers che dimostrano come siano causa di tutti i mali della Svizzera. Un breve elenco: aumento della criminalità e tensioni (violenza), asilanti, sans-papiers e abusi delle assicurazioni sociali. Per quanto riguarda la criminalità, l’iniziativa, proposta dall’Udc, per l’espulsione degli stranieri che commettono reati è ormai celeberrima, come il manifesto raffigurante alcune pecore bianche e una nera, effettivamente equivoco e subito interpretato dai maligni come razzista. L’iniziativa non è solo per liberare la Svizzera di un fardello, ma è anche a favore dell’integrazione massima degli onesti stranieri, perché ciò porterebbe alla caduta definitiva dei pregiudizi, è l’unico modo di creare una società multi-culturale funzionante, altrimenti le crescenti tensioni provocherebbero una progressiva degradazione e violenza all’interno del popolo. La Svizzera è stufa di una percentuale di stranieri, incline a commettere reati e di dover pagare per questi individui. Gli altri partiti attribuiscono le colpe degli stranieri, non all’individuo stesso, bensì alle condizioni del loro paese d’origine, che l’Udc visti i crimini ritiene non sufficienti per una giustificazione fondata. 

Le assicurazioni sociali sono al collasso, urge un’azione coatta dei partiti per risolvere la situazione. Che diritto hanno molti stranieri di venire in Svizzera e non lavorare ma ricevere un cospicuo assegno mensile? Per quanto riguarda gli asilanti, se lo Stato non lo facesse si direbbe che viola uno dei diritti umani fondamentali: il diritto all’asilo, ma visto che quelli che ne beneficiano sono un peso a livello economico, si deve cercare di integrarli. Se poi si definiscono invalidi, indipendentemente se truffano o non truffano l’AI (Assicurazione invalidità)rimangono comunque fuori dalla comunità ed inoltre sono colpevoli di crimini, causa “mancata integrazione” afferma la sinistra, ma c’è per tutti una forte volontà di integrarsi? La paura dell’Udc, xenofobia non razzismo, consiste nel fatto che questi danneggiano la Svizzera e in più godono di una condizione privilegiata che allo svizzero non è necessariamente dovuta con la stessa facilità. Revisioni dell’AI, controlli e criteri più severi devono essere applicati a chiunque richieda questo sussidio.

In conclusione gli stranieri per i soldi degli svizzeri, sui quali non hanno diritti e che sarebbero da utilizzare per favorire lo sviluppo economico, sono una sanguisuga, in sostanza non permettono lo sviluppo economico nel futuro, ma consumano i frutti delle attività del passato.


Annunci